Accedi Non sei ancora Registrato?
chiudi
Registrati

Iscriviti per ricevere i nostri articoli via email in tempo reale

Oops! Non è stato possibile trovare il tuo modulo.

chiudi
Chi Siamo
Portolano Cavallo concentra la propria attività nel settore TMT sin dalla sua nascita nel 2001 ed è ora riconosciuto come lo studio legale italiano leader in questo settore.
chiudi
Lo Studio
Portolano Cavallo è stato fondato nel 2001 dai soci Manuela Cavallo e Francesco Portolano. L’attività dello studio si concentra soprattutto su M&A e sul settore Media, sotto ogni aspetto.
chiudi
Blog
Ita / Eng

Contenuti inseriti nel mese di aprile 2013

apr 22

AIDP – L’esperienza Portolano

Portolano Cavallo Studio Legale sigla il primo accordo di secondo livello per gli studi professionali. L’idea di tale accordo nasce dal mettere su carta diversi elementi di novità a vantaggio dei dipendenti dello Studio, ma anche processi e procedure già in piedi volti a supportare e migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti ed in particolare il work-life… continua

apr 12

Come gli studi legali affrontano la sfida del marketing digitale

Dick Fosbury è conosciuto per aver introdotto nell’atletica leggera il salto in alto “di schiena” e per aver così surclassato i campioni che si cimentavano con balzi ventrali o in sforbiciata che oggi appaiono buffi e vintage: molti ricordano il nome di Fosbury, mentre è caduto nell’anonimato il nome di colui che ha sostituito la… continua

apr 9

Pubblicità: come proteggere creatività ed investimenti

La creatività è un elemento centrale, si potrebbe dire l’essenza stessa, di un’efficace campagna pubblicitaria. Nella pianificazione di una campagna pubblicitaria è importante avere consapevolezza degli strumenti che l’ordinamento mette a disposizione degli inserzionisti per la tutela della propria creatività. L’assunzione di tale consapevolezza giova tanto in un’ottica “difensiva”, per evitare cioè di fare uso… continua

apr 9

Il controllo dei lavoratori nell’era di Facebook

La prassi di avvalersi di post blu e cinguettii o di altre modalità di condivisione tipiche dei social network fatica a rimanere al di fuori del posto di lavoro e si ripercuote inevitabilmente sul rapporto tra il datore di lavoro e il lavoratore e, talvolta, anche su quello tra colleghi. Evidenza di ciò è data… continua

Articolo inserito in: Diritto del lavoro